meglio Ibiza, Formentera, Minorca o Maiorca? vacanze alle Baleari

formentera


Se con l'arrivo del primo caldo, vi assale un'irrefrenabile voglia di mare e vacanze, regalatevi qualche giorno alle Baleari, meraviglioso arcipelago del Mediterraneo Occidentale al largo della costa orientale spagnola.
Natura incontaminata, spiagge da cartolina, mare incredibilmente cristallino, sole per almeno 300 giorni all'anno, vita notturna movimentata, straordinaria cultura gastronomica, ma anche una storia millenaria ed una cultura affascinante. Questo, e non solo, sono le Isole Baleari.

Le isole principali sono quattro - Maiorca, Minorca, e le due Isole Pitiuse, Formentera ed Ibiza -, ma vi sono anche altre isole definite minori, ma comunque caratterizzate da una bellezza notevole. Pensiamo, ad esempio alla piccola Isola di Cabrera, famosa per il suo straordinario Parco Nazionale Marittimo e Terrestre.

 L'isola più folle e trasgressiva dell'arcipelago è Ibiza. L'Isla Bianca, conosciuta da tutti come l'isola del divertimento: qui è impossibile annoiarsi.
Splendida e mondana è Formentera, l'ultimo paradiso del Mediterraneo. Semplicemente incantevole, è l'isola preferita dai vip.
Per viaggi in famiglia scegliete la tranquillità e l'organizzazione di Maiorca (l'isola più grande dell'arcipelago), oppure la straordinaria bellezza delle spiagge incontaminate di Minorca (soprannominata il paradiso azzurro e verde delle Baleari).

Vacanze brevi a Ibiza & Formentera

Ibiza: cosa vedere

L’isola della movida famosa in tutto il mondo per le sue discoteche che lanciano mode e tendenza, è conosciuta anche Isla Blanca ed è uno dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità dell’UNESCO per via di una riconosciuta ricchezza naturalistica e storica che vi sono presenti ad iniziare da sa Caleta e i suoi resti fenici, dalla necropoli Puig des Molins di origine punica e dalla Riserva naturale ses Salines.
Chi ha modo di soggiornarvi non può non gustare le tue calette tranquille che si alternano ad un litorale di sabbia color oro da Cala Longo a cala Tarida per passare alle spiagge di Salinas a Sant Josep, di Talamanca a Ibiza senza dimenticare quelle di Sant Antoni, San Joan e Sant’Eularia.
Ibiza città – o Eivissa come la chiamano i catalani – è il centro politico dell’isola ed è caratterizzata da tre bellissimi litorali: Platja d’en Bossa, ses Figueretes e Talamanca. Da visitare l’area di Dalt Vila per scoprire una cittadella meravigliosa.
Da vedere anche la piccola Sant Josep di sa Talaia e non solo per le piccole spiagge dove regna una insolita tranquillità come Cala Comte, Cala Bassa e Cala Vedella. Qui, piccole casette di color bianco, incorniciate da una verde campagna, anticiperanno i resti punico-romani di Ses Païses di Cala d’Hort e, per chi non soffre di claustrofobia, la scenografica grotta di Cova Santa.

Formentera: cosa vedere

La piccola e selvaggia isola di Formentera, dichiarata Riserva Naturale e Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO, regala lunghissime spiagge e tranquille piccole cale che si tuffano in un mare limpido e tranquillo.
Formentera appare ancorata ad un passato da anni ’70 con tante feste sulla spiaggia e piccoli locali che sono all’opposto delle chiassose discoteche di Ibiza.
Il fulcro cittadino è rappresentato da San Francesc Xavier de Formentera che raduna la sua movida tutto intorno alla piazzetta principale dove si trova una bella chiesa settecentesca che fu anche una fortezza difensiva contro gli assalti dei pirati.
Meritano una visita anche gli altri centri dell’isola come San Ferran de ses Roques, pieno di locali dove si trova lo storico Fonda Pepe, punto di incontro della gioventù hippie degli anni ’70; El Pilar de la Mola, da visitare di domenica o di mercoledì per vedere il mercatino hippie; Es Pujol e la Savina.
Le spiagge più note sono quelle di Illetes e Llvant per via della loro spiaggia composta di finissima sabbia bianca, mentre quelle di Migjorn e di Cala Sahona sono molto più rilassanti e meno affollate.

Vacanze brevi a Minorca e Maiorca

Minorca: cosa vedere

Chi soggiorna sulla piccola isola di Minorca non può non andare alla Ciutadella, dove trova il Mirador che permette di ammirare Minorca in tutta la sua bellezza.
Caratterizzata da un’architettura che miscela lo stile medioevale con quello arabo, l’atmosfera che si respira è del tutto speciale soprattutto passeggiando per Es Born, il cammino più significativo che si trova in pieno centro storico che inizia dalla piazza omonima, ideale location per tanti eventi della città. Da ammirare il Palazzo Comunale che, seppur rifatto durante il XIX secolo, conserva ancora alcune cose del suo stile originale.
Bellissimo il Palacio de Vivó in puro stile neoclassico e la cinquecentesca Cattedrale fatta edificare da Alfonso III sopra ad una preesistente Moschea della quale è rimasto il solo minareto, oggi torre campanaria.
Da visitare anche Es Fornells, un pittoresco paesino di pescatori famoso per la caldereta de llangosta: una zuppa di aragoste che vengono catturate ogni giorno.
Tra le più belle spiagge: Cala Morell, Son Saura e Cala Pregonda.

Maiorca: cosa vedere

Il punto più importante di Maiorca è la sua capitale: Palma, una vera perla turistica famosa da sempre a livello internazionale. Da visitare il Casco Historico che vede nella poderosa cattedrale La Seu in stile gotico, il suo fulcro naturale.
Da non perdere il Palazzo dell’Almudaina, adiacente alla Cattedrale, Plaza Major, Plaza de Cort, l’ottocentesco Palau Reial in puro stile neogotico maiorchino, il barrio de la Gerraria e lo scenografico Quartiere Ebraico risalente al XIII secolo.
Da visitare anche le spettacolari Grotte di Maiorca: le grotte di Artà e le grotte del Drago che sono le più importanti tra tutte le ottocento grotte che si trovano su quest'isola.

Commenti